Chirurgia delle Malformazioni Mammarie

Chirurgia Malformazioni Mammarie

Talvolta il seno di una donna può manifestare delle caratteristiche insolite sia alla nascita che, più frequentemente, nel periodo dello sviluppo adolescenziale. La condizione più frequente è uno sviluppo asimmetrico dei due seni, con uno che si sviluppa adeguatamente e l’altro che tende a svilupparsi molto meno, o che assume una forma diversa.

Il seno di ogni donna non è mai del tutto simmetrico. In alcuni casi, tuttavia, può esistere una evidente differenza di forma e/o dimensioni tra le due mammelle. Queste condizioni possono essere motivo di forte disagio per la donna, creandole problemi non solo psicologici ma anche posturali, quali scoliosi, legati al differente peso. E' opportuno in casi di asimmetria mammaria evidente ottenere una simmetrizzazione per forma e dimensione mediante di interventi correttivi che si avvarranno di procedure di mastoplastica riduttiva/mastopessi o talvolta di mastoplastica additiva, con l'ausilio di protesi in casi di seni particolarmente differenti per dimensione

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Nei casi di asimmetria tra i due seni, la patologia più comune è la mammella tuberosa, cioè una malformazione della mammella dovuta ad un anello fibrotico congenito, una sorta di cicatrice interna che impedisce, durante l’adolescenza, lo sviluppo normale della ghiandola, facendole acquisire un aspetto “tuberoso”, ovvero più o meno piccolo, poco rotondeggiante, e proiettato in avanti, con areola spesso piuttosto slargata, e una ghiandola molto compatta alla palpazione. Talvolta, il seno tuberoso si proietta molto in avanti, acquisendo una forma simile ad un tubo (mammella tubulare). In questi casi la chirurgia plastica consente, agendo su uno o su entrambi i seni malformati, di riacquistare una forma naturale, simmetrica e armoniosa con il resto del corpo. Esistono tecniche chirurgiche che rimodellano il tessuto presente per ottenere la forma voluta oppure con il ricorso a protesi, se il volume del seno tuberoso è troppo ridotto, o si richieda un seno più prosperoso.

Clicca sulle immagini per ingrandirle

In alcuni casi la malformazione al seno può manifestarsi sin dalla nascita in questo caso l’elemento diagnostico è la mancanza totale o parziale del muscolo pettorale da un lato o, più raramente, da entrambi i lati. In questo caso, parliamo di sindrome di Poland. Durante l’età dello sviluppo si manifesta attraverso il mancato sviluppo della mammella che lascia il posto a un’infossatura. Questa malformazione può colpire anche gli uomini, che in questo caso, vedranno i due pettorali di volume molto diversi, specialmente i soggetti sportivi. La soluzione chirurgica che consente di risolvere il problema di solito richiede l’uso di protesi che consentano di ridare volume al seno o al pettorale mancante. Esiste inoltre la possibilità, in casi selezionati, di utilizzare il proprio grasso corporeo per fornire il volume necessario al ripristino della forma e della simmetria.

*Nome e Cognome:


*E-mail:


*Telefono:


Motivo della Richiesta:



Messaggio:



Autorizza il trattamento dei dati

NO SI

Sono maggiorenne

NOSI

*Campi obbligatori